Poco Futuro, scarsa Libertà

di Fernando M. Adonia da http://www.cataniapolitica.it

Fabio Fatuzzo lascia Fli. E con lui Piero Mazzaglia, Attilio Tilenni e Attilio Lombardo. Stando ai retroscenisti il motivo della frattura si trova in alcune dichiarazione del falco Fabio Granata a l’Espresso dove si auspicherebbe un’intesa politica tra Gianfranco Fini e Antonio Di Pietro: «sarebbero perfetti per costruire insieme il nuovo partito della nazione e della legalità». Ennesima prova – a detta dei transfughi- del «netto dissenso rispetto a quanto espresso da Granata, già tante volte distintosi per le posizioni di subalternità politica e psicologica alla sinistra».

Ovvio però che queste dichiarazioni non sono sufficienti a spiegare l’emorragia attuale dal partito  fondato dal Presidente della camera. L’uscita di Fatuzzo, amministratore navigato e attuale presidente dell’Acoset, è da riannodare al ritorno degli scorsi giorni di Adolfo Urso e Pippo Scalia nel pdl di Angelino Alfano. Ma anche lì la questione non è semplicemente politica: Adolfo Urso e i suoi sodali hanno sempre guardato a destra e non a sinistra o ad un improbabile terzo polo. Questo è pacifico. I motivi della crisi hann però la propria vera causa nella mancata nomina del parlamentare acese a coordinatore nazionale di Futuro e Libertà.

In un certo qual modo ha ragione Puccio La Rosa nel dichiarare che l’uscita di Fabio Fatuzzo dal partito è una “non notizia”. La fuga della corrente di Urso era data per scontata da tempo. Anche da Fabio Granata in persona che, convenuto a Catania il 18 giugno per la presentazione del settimanale Il Futurista diretto da Filippo Rossi, ebbe a dire “per noi sono già fuori”. Aggiungendo inoltre: “mentre la nave del pdl affonda, loro anziché scappare, tornano dentro”. Un clima, dunque, rovente già da tempo.

Ora però Fli deve fare un calcolo preciso sul proprio futuro sia in Sicilia che nella provincia di Catania. Carmelo Briguglio, neocoordinatore regionale, ha dei nodi in mano difficili da sciogliere. Con Adolfo Urso va via una personalità a modo e ben radicata elettoralmente sul proprio territorio. Fabio Fatuzzo, secondo i sondaggi lanciati da nostro giornale tempo addietro, risultò essere uno degli assessori più apprezzati del primo gabinetto Stancanelli, dunque un perdita di qualità.

Ma i problemi non sono solo di formazione, ma di schema. È ormai più che evidente che l’appoggio di Fli al governo della regione rischia di essere inefficace. Il motivo di fondo è l’imbarazzo: difficile presentarsi all’elettorato come giustizialisti, come fa in particolare Fabio Granata, senza poi lasciarsi inquietare dai risvolti morali relativi alla indagine in corso per concorso esterno in associazione mafiosa ai danni di Raffaele Lombardo. É evidente che la magistratura dovrà fare il suo corso, ma davanti a sospetti analoghi, la voce di Granata contro Berlusconi è stata molto meno clemente.

Ed ancora i problemi sono nei numeri. Se alle scorse amministrative il cosiddetto terzo polo ha mietuto risultati, è stato sulla scorta dei cingolati autonomisti, non degli arceri futuristi. Il dato per ora sembra questo: se a Roma fli sembra influenzata fortemente dalle sirene della sinistra; in Sicilia lo è da quelle lombardiane. Sarebbe dunque questa la forza e l’autonomia di una compagine nata sotto la spinta di rifondare il centrodestra in Italia? Se è così la situazione sembra davvero ingarbugliata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...