Sassi perduti nel tempo

2 settembre. Candidati, fate bene a candidarvi. Fate bene a stampare manifesti e riempire di colore la città. Vi voterei a tutti. Giuro. Unico problema: in alcuni casi non so che croce mettere in lista. Ma il simbolo di partito ve lo siete dimenticati o è diventato un orpello superato?

1 settembre. Il mondo gira alla rovescia. Se in un mondo normale tutti evadono le tasse (medici, avvocati, muratori, etc..), oggi succede un cosa bene diversa: la gente comune entra nei negozi per comprare oggetti vari pretendendo uno sconto in automatico sull’Iva. Normalmente questo sconto viene concesso e tutti sono contenti. Ma ultimamente avviene un fenomeno strano: i commercianti assicurano in ogni modo che non faranno versare l’Iva ai clienti. Li tranquillizzano sulla quella percentuale “infame”. Ma alla fine -come fu e come non fu- quella piccola tassettina al 21%  -con un gioco di prestigio- la fanno pagare lo stesso al cliente o la versano addirittura loro. Ovviamente questa storia ha un fondamento di verità ben documentabile.

31 Agosto. Finora i manifesti di Claudio Fava Presidente sono i più belli di tutti. Anche perché è l’unico tra i candidati presidente ad avere chiari tutti i passaggi: candidatura, facsimili, liste e alleati. Gli altri, cioè Musumeci e Crocetta, ci sono, ma quelli che li sostengono un po’ meno. Il punto è però un altro. Complimenti per i colori, ma Fava ha un programma preciso o la sua linea è solo quella d’infastidire i candidati altrui? Per ora il suo stile è troppo poco presidenziale.

30 Agosto. “Come fa l’Udc a sostenere un candidato omosessuale?” Dubbio amletico per Gianfranco Micciché. Gli risponde un coro di “fatti i cazzi tuoi!”. Anche Buttiglione si scopre un liberal-prog-riformista. E risponde con fermezza dandogli della “pazza”. Ma chiedersi invece come fa il partito di Sturzo a sostenere un comunista mai pentito alla presidenza? Nessuno se lo chiede? Pierfery, neanche tu? Continua a leggere Sassi perduti nel tempo

Annunci

L’apocalittica di Castiglione: “Da un lato noi, dall’altro chi ha sostenuto il disastro Lombardo”. Ma non è sempre stato così.

di Fernando M. Adonia – Il presidente della provincia di Catania, Giuseppe Castiglione, rinnova la fiducia di tutto il Pdl isolano a Nello Musumeci. Lo fa scagliandosi contro Micciché, il quale dove aver sostenuto in prima (o meglio seconda) battuta la candidatura del leader di Alleanza Siciliana, si sarebbe ora smarcato in favore di una candidatura personale in salsa autonomista. Ed proprio questa formula a far saltare i nervi al coordinatore regionale pidiellino. Tanto da dichiarare che in questa tornata elettorale si combatte una battaglia storica, quasi apocalittica: “da una parte ci sono le forze politiche che hanno sorretto e sostenuto in questi anni il disastroso governo Lombardo, dall’altra il Pdl con le sue due liste e tutti coloro che si sono opposti a questo sistema che ha portato la Sicilia nello stato in cui versa”. Continua a leggere L’apocalittica di Castiglione: “Da un lato noi, dall’altro chi ha sostenuto il disastro Lombardo”. Ma non è sempre stato così.

Solidarietà ad Antenna Sicilia e Telecolo

Per Telecolor e AntennaSicilia arriva una crisi occupazionale senza precedenti. Metà dei dipendenti rischiano di rimanere a casa. E su tutto il gruppo editorial-televisivo di Mario Ciancio Sanfilippo si abbatte lo spettro della “crisi più nera”. E’ questo che temono i lavoratori, ma anche gli utenti che rischiano di rimanere orfani dei più importanti organi d’informazione del panorama giornalistico  cittadino. (Fernando M. Adonia) da cataniapolitica.it

Pietrangelo Buttafuoco sdogana la parola “Puppo”

di Fernando M. Adonia  da Cataniapolitica.it – E’ ora di mettere un freno al politicamente corretto. Sopratutto quando storpia  il senso profondo delle parole, anche delle più popolari. “Puppo” non è una parolaccia. E’ l’equivalente nostrano dell’inglesissimo “gay”, cioè “allegro”. Nulla a che vedere con i più antipatici “frocio”, “ricchione” o “culattone”. I catanesi lo sanno benissimo. Ma non da ora: da sempre. Tutto questo Pietrangelo Buttafuoco lo ha chiarito oggi su “Il Foglio” parlando del caso Crocetta. Spiegando poi che la Sicilia non è mai stata una terra omofoba, semmai al contrario. Anche se non esattamente gay-friendly, così come si usa dire negli ambienti prog e liberal. Agnuno qui piace farsi  i fatti propri: nessuno ama condannare l’altro, purché ogni gesto resti nella discrezione delle pareti della  camera da letto. Non è ipocrisia, ma quella sicula è una strana saggezza consapevole che tutti siamo deboli, ognuno con i suoi vizi e altri ancora con i propri ‘vizietti’. Continua a leggere Pietrangelo Buttafuoco sdogana la parola “Puppo”

Non c’è più tempo: primarie subito!

di Fernando M. Adonia – La Sicilia non è affatto un laboratorio politico. Non lo è mai stata e non lo sarà di certo ora. Con un voto regionale che avanza senza che nessuno abbia ancora un’idea precisa su quale sarà la data esatta per le consultazioni. Certo, non è in prossimità di un voto anticipato che ci si può aspettare dai partiti rivoluzioni copernicane. Ma non si può neanche tollerale la stasi o, peggio ancora, l’incertezza. Poiché è questo il quadro che la politica isolana sta consegnando al paese. Non da ora però. Le faccende giudiziarie dell’ex presidente Lombardo sono state solo la goccia che hanno fatto traboccare il vaso, essendo il suo progetto politico ormai logoro da tempo. Sia sul profilo della legittimità elettorale (sive popolare) che sul versante della coesione interna delle forze che hanno sostenuto le quattro giunte a guida autonomista.  Continua a leggere Non c’è più tempo: primarie subito!

Lombardo Annuncia: “Cascio Candidato”

di Fernando M. Adonia – Sarà Francesco Cascio, presidente dell’Ars ed enfant prodige del vivaio siculo di Silvio Berlusconi, il candidato “ufficiale” del Pdl alla presidenza della regione Sicilia. A darne notizia è -udite, udite- Raffaele Lombardo, l’attuale inquilino-dimissionario di Palazzo d’Orleans: “E’ vero, Cascio mi ha personalmente informato che sarà candidato alla Presidenza della Regione, gli ho fatto i miei auguri anche perché con lui ho avuto sempre un buon rapporto”.  Continua a leggere Lombardo Annuncia: “Cascio Candidato”

Stancanelli contro Confcommercio. Abusivi, “fatto di più rispetto all’omonimo Agen”

di Fernando M. Adonia – Dura nota del Sindaco Raffaele Stancanelli contro Piero Agen, il presidente regionale di Confcommercio. La pietra dello scandalo è la video-inchiesta sul commercio abusivo a Catania presentata ieri dall’Ascom. Durante la conferenza stampa Agen ha utilizzato parole aspre contro l’amministrazione cittadina: “a Catania non esiste nessuna vera forma di contrasto all’abusivismo commerciale che così è diventata punto ricettivo per l’hinterland”. E ancora: “Dalla sindacatura Bianco la lotta all’abusivismo ha avuto una battuta d’arresto – continua Agen – anche se allora il Sindaco cominciò bene ma poi gettò la spugna. I circa 1500 abusivi che operano oggi esclusivamente nel territorio catanese godono magari dell’indennità di disoccupazione e dei benefici statali, tipo la casa popolare o l’esenzione del ticket sanitario, e tutto ciò l’amministrazione comunale sembra non volerlo vedere. Anche perché colpire gli abusivi vuol dire perdere migliaia di voti. Continua a leggere Stancanelli contro Confcommercio. Abusivi, “fatto di più rispetto all’omonimo Agen”