Regionali, cala il grande Silenzio. Qualche consiglio per raccogliere le idee.

di Fernando M. Adonia – Secondo la leggenda, nelle ore che precedono il mattino, gli esseri della notte sono presi da una strana frenesia. Appunto perché manca poco alla fine di quello spazio di tempo concesso per portare a compimento la propria missione. Lo stesso è alla fine di ogni campagna campagna elettorale. Ormai restano meno di 24 ore per darsi da fare. I candidati sono presi dall’ansia. Vorrebbero trattenere in ogni modo le lancette dell’orologio. S’insegue anche l’ultimo voto. Ma il campo è stato già setacciato, e molti restano come quel buon signore che dopo la pioggia va’ a funghi, ma sullo stesso lenzuolo dove gli altri hanno già raccolto il possibile. Ed è così, che già dalle prime ore della mattinata le mail sono zeppe di flier elettorali. I social sono sotto l’attacco di candidati e attivisti di vario genere. Anche i leader si espongono, fanno il possibile. Ed – entro la logica della competizione- è giusto che sia così. Sarebbe insensato il contrario. Continua a leggere Regionali, cala il grande Silenzio. Qualche consiglio per raccogliere le idee.

Annunci

Catania, WindJet annuncia il ritorno in aria per il prossimo 5 dicembre. “Il Giornale” ci bacchetta…

di Fernando Massimo Adonia da http://www.ienesiciliane.it

Il Giornale di Feltri e dell’ancora-per-poco-tempo-in-libertà Sallusti, torna a bacchettare la Sicilia “sprecona” e quindi la gestione dell’ente presieduto dall’ormai ex governatore Raffaele Lombardo. L’attenzione è sulla new.co Aereo Linee Siciliane, la compagnia earea pronta a nascere dalle ceneri della WindJet, la flotta aerea “capitanata” da Nino Pulvirenti, il patron del Calcio Catania. Continua a leggere Catania, WindJet annuncia il ritorno in aria per il prossimo 5 dicembre. “Il Giornale” ci bacchetta…

Catania, ‘lombardiani’ contro ‘firrarelliani’: il Partito democratico etneo e’ davvero sull’orlo di una crisi di nervi?

 

di Fernando M. Adonia da http://www.ienesiciliane.it

Nel Pd catanese siamo sull’orlo di una crisi di nervi.Per gli osservatori più raffinati ci troviamo innanzi ad un vero e proprio “psicodramma”. Talmente ossessivo da modificare il “gergo segreto” dei militanti della sezione etnea del più grande partito del centrosinistra italiano. “Tu sei un firrarelliano!”; “Tu invece un lombardiano!”. Questo è il resoconto cromatico che il giornalista Antonio Condorelli ci ha fornito ieri sui lavori della direzione regionale democratica. Insulti pesanti, dunque. Anzi: pesantissimi. Parole che superano di gran lunga il navigatissimo “fascista” o l’ammuffito “reazionario” che si sarebbero potuti apprendere nei circoli del partito comunista fino a trent’anni addietro. Un rivoluzione lessicale ovviamente al ribasso, figlia del crollo delle ideologie, della fine delle grandi narrazioni e di qualche manovra un po’ troppo azzardata. Continua a leggere Catania, ‘lombardiani’ contro ‘firrarelliani’: il Partito democratico etneo e’ davvero sull’orlo di una crisi di nervi?

L’apocalittica di Castiglione: “Da un lato noi, dall’altro chi ha sostenuto il disastro Lombardo”. Ma non è sempre stato così.

di Fernando M. Adonia – Il presidente della provincia di Catania, Giuseppe Castiglione, rinnova la fiducia di tutto il Pdl isolano a Nello Musumeci. Lo fa scagliandosi contro Micciché, il quale dove aver sostenuto in prima (o meglio seconda) battuta la candidatura del leader di Alleanza Siciliana, si sarebbe ora smarcato in favore di una candidatura personale in salsa autonomista. Ed proprio questa formula a far saltare i nervi al coordinatore regionale pidiellino. Tanto da dichiarare che in questa tornata elettorale si combatte una battaglia storica, quasi apocalittica: “da una parte ci sono le forze politiche che hanno sorretto e sostenuto in questi anni il disastroso governo Lombardo, dall’altra il Pdl con le sue due liste e tutti coloro che si sono opposti a questo sistema che ha portato la Sicilia nello stato in cui versa”. Continua a leggere L’apocalittica di Castiglione: “Da un lato noi, dall’altro chi ha sostenuto il disastro Lombardo”. Ma non è sempre stato così.

Lombardo. “Dobbiamo dare il meglio”. Il primo discorso da presidente.

Di Fernando M. Adonia – “Dobbiamo metterci tutti nelle condizioni di dare il meglio per la Sicilia, scrollandoci di dosso questa insopportabile immagine di inefficienza [sperando] che la prossima Giunta regionale siciliana sia composta sia da politici che da tecnicinel rispetto del voto espresso dai cittadini”. 28 Aprile 2008. Con questo augurio Raffaele Lombardo si presentò all’ars da neopresidente della regione Sicilia. I propositi di fare bene bene c’erano tutti. Continua a leggere Lombardo. “Dobbiamo dare il meglio”. Il primo discorso da presidente.

Dimissioni. Il voto ad Ottobre fa paura a Monti.

di Fernando M. Adonia – Può succedere ancora di tutto. Domani dovrebbero arrivare le dimissioni di Raffaele Lombardo dalla presidenza della regione. Il condizionale è d’obbligo. Non tanto perché le parole del leader autonomista non siano credibili. Ma perché non è chiara l’agenda futura Continua a leggere Dimissioni. Il voto ad Ottobre fa paura a Monti.

Regione Sicilia, lo specchio di un fallimento

di Fernando M. Adonia – Mario Monti da’ il benservito a Raffaele Lombardo. Per poi smentire tutto. In realtà il Premier lo vorrebbe quanto prima fuori da Palazzo d’Orleans. Forse anche prima del fatidico 31 Luglio 2012, data in cui, stando agli annunci, il leader autonomista dovrebbe cedere la tanto scottante Continua a leggere Regione Sicilia, lo specchio di un fallimento