Regionali, cala il grande Silenzio. Qualche consiglio per raccogliere le idee.

di Fernando M. Adonia – Secondo la leggenda, nelle ore che precedono il mattino, gli esseri della notte sono presi da una strana frenesia. Appunto perché manca poco alla fine di quello spazio di tempo concesso per portare a compimento la propria missione. Lo stesso è alla fine di ogni campagna campagna elettorale. Ormai restano meno di 24 ore per darsi da fare. I candidati sono presi dall’ansia. Vorrebbero trattenere in ogni modo le lancette dell’orologio. S’insegue anche l’ultimo voto. Ma il campo è stato già setacciato, e molti restano come quel buon signore che dopo la pioggia va’ a funghi, ma sullo stesso lenzuolo dove gli altri hanno già raccolto il possibile. Ed è così, che già dalle prime ore della mattinata le mail sono zeppe di flier elettorali. I social sono sotto l’attacco di candidati e attivisti di vario genere. Anche i leader si espongono, fanno il possibile. Ed – entro la logica della competizione- è giusto che sia così. Sarebbe insensato il contrario. Continua a leggere Regionali, cala il grande Silenzio. Qualche consiglio per raccogliere le idee.

Annunci

Presidenziali in Sicilia. Sgambetti a sinistra. Cgil comitato elettorale.

Fernando M. Adonia – Ed è subito campagna elettorale. Con annessi veleni.  E’ infatti di ieri una nota congiunta con la quale i segretari provinciali di Idv, Sel, Rifondazione  e Pdci stigmatizzano il presunto attivismo politico del sindacato confederale Cgil in favore della candidatura dell’euro parlamentare pd  Rosario Crocetta a presidente della Regione. Intanto però dai vertici provinciali cigiellini  non arrivano repliche.  Continua a leggere Presidenziali in Sicilia. Sgambetti a sinistra. Cgil comitato elettorale.

Regione Sicilia. Tanti nomi, un solo Presidente.


Motori elettorali sempre più caldi in Sicilia. Il voto per la presidenza della regione è sempre più prossimo. Il 28 luglio Raffaele Lombardo dovrebbe dimettersi da Palazzo d’Orleans. La promessa verrà certo mantenuta. Parola d’onore. Anche se in Sicilia “fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio”. Il punto è che il leader autonomista è stato preso con il massimo della serietà, soprattutto dai vertici dei partiti regionali e nazionali. Le segreterie sono già a lavoro. E fioccano i nomi. Continua a leggere Regione Sicilia. Tanti nomi, un solo Presidente.